Volley: Taranto, esordio da brivido con i campioni d’Italia

È tempo di fare sul serio. Dopo una pre-season intensa e ricca di indicazioni, si parte con il campionato: anticipo televisivo per la Gioiella Prisma Taranto, che alle 19.00 di sabato 1° ottobre ospita al PalaMazzola i campioni in carica della Cucine Lube Civitanova.

CIVITANOVA – Rispetto alla passata stagione, la squadra marchigiana è stata profondamente rinnovata: resta di primo livello, anche se con un’età media più bassa. Conferma per atleti dal valore indiscusso come Zaytzev e De Cecco (diagonali), il cubano Yant e lo statunitense Gabi (entrambi schiacciatori) i neo campioni del mondo Balaso (libero) e Anzani (centrale). A questi si aggiungono i nuovi acquisti: il francese Chinenyeze (centrale), i giovanissimi Bottolo e Gottardo (schiacciatori) e il D’Amico (libero), uno dei migliori nel ruolo della scorsa A2. Insomma, un bel prospetto di potenzialità e qualità, una rosa che, seppur in gran parte rinnovata rispetto alla scorsa stagione, è tra le più accreditate alla vittoria del titolo.

CARICA PRISMA – “Finalmente si inizia – carica il vicecapitano Aimone Alletti -. Nel gruppo c’è entusiasmo e voglia di mettersi alla prova. Esordiamo coi Campioni d’Italia che non hanno di certo bisogno di presentazioni: da Anzani, Balaso e Bottolo, freschi campioni del Mondo, passando da De Cecco a Zaytsev. Sarà un match complicato, ma dovremo essere bravi a esprimere il nostro gioco e il nostro ritmo, mettendo in campo quella cattiveria agonistica degna di un esordio davanti al proprio pubblico contro i campioni in carica”.

EX DI TURNO – Coach Vincenzo Di Pinto, primo allenatore della Lube Banca Macerata nella stagione 1996-97. Marco Falaschi, alla Lube nella stagione 2020-21. Jacopo Larizza in forza ai cucinieri nei campionati 2016-17 e 2020-21.

DIRETTA RAI SPORT – L’anticipo della prima giornata tra Gioiella Prisma Taranto e Cucine Lube Civitanova sarà trasmesso in diretta RAI Sport e sul canale Volleyballworld.tv. La prevendita dei biglietti è attiva sul sito www.etes.it. (Foto Luca Barone)