Archivi categoria : Cronaca

Calimera (LE) | Arrestato il medico accusato di aver picchiato anziano

I militari della Stazione Carabinieri di Calimera hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Lecce – Ufficio GIP su richiesta della locale Procura della Repubblica per il reato di lesioni personali aggravate a carico di Vincenzo Refolo, di 57 anni, medico dell’ASL di Lecce. L'uomo, fuori dal proprio studio…
Vai all'articolo

Calimera (LE) | Parla l’anziano picchiato

Si era recato per chiedere informazioni su una visita specialistica che avrebbe tenuto nei prossimi giorni l'anziano che sarebbe stato picchiato da un medico di Calimera. L'85enne voleva semplicemente sapere se, ai tempi del Coronavirus, poteva recarsi per la visita prenotata.

Emergenza Coronavirus | 131 casi in più in Puglia, 2077 casi totali da inizio epidemia

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi giovedì 2 aprile, in Puglia, sono stati registrati 1.345 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 131 casi, così suddivisi:

45 nella Provincia di Bari;

10 nella Provincia Bat;

17 nella Provincia di Brindisi;

12 nella Provincia di Foggia;

32 nella Provincia di Lecce;

15 nella Provincia di Taranto;

Sono stati registrati oggi 15 decessi: 8 in provincia di Bari, 1 in provincia Bat, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 16.654 test. Salgono a 65 i pazienti guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 2.077 così divisi:

700 nella Provincia di Bari;

126 nella Provincia di Bat;

208 nella Provincia di Brindisi;

502 nella Provincia di Foggia;

353 nella Provincia di Lecce;

163 nella Provincia di Taranto;

20 attribuiti a residenti fuori regione;

5 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.