Foggia-Boscaglia, manca accordo per la risoluzione del contratto

FOGGIA – Ancora nessun accordo per la risoluzione del contratto di Roberto Boscaglia. Il Foggia tratta con il suo ormai ex allenatore ma una soluzione ancora non c’è. Potrebbe arrivare tra qualche ora come tra qualche giorno ma ciò che è certo è che il Foggia punta a non esonerare il tecnico per evitare di pagargli la restante parte dello stipendio per questa stagione e che l’allenatore avanzerà le sue pretese per recuperare almeno la metà di quanto pattuito fino a giugno. Boscaglia ha un contratto di un anno con opzione per il prolungamento in caso di piazzamento tra i primi quattro posti: missione che oggi appare difficile ma non impossibile che spinge il mister a far valere le sue ragioni. Dall’altra però c’è una situazione che ormai è diventata insanabile con un cambio che appare inevitabile. L’ultimo allenamento è stato diretto dallo staff di Boscaglia, con cui si cerca anche un accordo per chiudere i rapporti. Nel frattempo si avvicina la trasferta di Taranto, dove dovrebbe andare in panchina un tarantino: Franco Dellisanti, 71 anni di San Giorgio Jonico, attuale allenatore della primavera rossonera. Per il dopo Boscaglia tanti i nomi fatti: da Pavanel a Modesto, fino a Marino, Scienza e Marchionni. Quel che appare sicuro è che prima Canonico dovrà sistemare la questione con l’attuale staff e poi procederà a decidere il successore, a cui verrà proposto un contratto fino a giugno con opzione di rinnovo al raggiungimento di un determinato obiettivo.