Ex Ilva: ‘Cede asse del carro con scorie liquide di acciaio’

Palombella (Uilm): ‘Urso chiarisca su prestito a ex Ilva’

“Apprendiamo da articoli di giornale che il Governo starebbe pensando a una norma da inserire nel prossimo decreto per l’ex Ilva che prevederebbe, non un aumento di capitale per il passaggio in maggioranza di Invitalia, ma un prestito ponte a 18 mesi di 650-680 milioni di euro per sanare le difficoltà di liquidità finanziaria. Chiediamo al Ministro Urso di chiarire la veridicità di questa notizia. Se fosse vera si tratterebbe di un atto irresponsabile da parte del Governo”.

Lo dichiara Rocco Palombella, segretario generale Uilm, aggiungendo che sarebbe “un tentativo di condizionamento da parte dell’azienda, uno sperpero di soldi pubblici senza un minimo di garanzia e straccio di piano industriale. Il paventato prestito non consentirebbe di traguardare la prima metà del prossimo anno, altro che i prossimi 18 mesi, per di più senza alcun progetto strutturale di ripartenza produttiva e salvaguardia occupazionale”.

“Sarebbe l’ennesimo schiaffo alle migliaia di lavoratori che sono in cassa integrazione da anni e a chi chiede un vero futuro occupazionale e produttivo – continua il segretario generale Uilm -. Lo Stato, anziché concedere finanziamenti senza vincoli a gestioni aziendali fallimentari, deve riprendere il controllo dell’ex Ilva per evitare la chiusura definitiva, il dramma occupazionale per 20mila lavoratori, per garantire il risanamento ambientale e il futuro di intere comunità”.

“È ora che il ministro Urso risponda una volta per tutte, dicendo cosa vuole fare realmente il Governo per il futuro di un asset strategico per il nostro Paese. Ci stiamo avvicinando a una situazione di non ritorno, non staremo a guardare”, conclude Palombella.