Brindisi, controlli Nas: oltre quattro milioni di sanzioni, chiusura palestre e ristoranti

BRINDISI- Oltre quattro milioni di euro di sanzioni, strutture ricettive e palestre chiuse, chili di alimenti sequestrati: è il bilancio dei controlli dei carabinieri del Nas di Taranto svolti nel brindisino per l’operazione “Estate tranquilla 2022”.

I carabinieri del Nas di Taranto, nell’ambito dei controlli eseguiti nei vari settori della specialità durante la campagna nazionale “Estate Tranquilla 2022” disposta dal comando carabinieri per la Tutela della salute di Roma, nella provincia di Brindisi hanno eseguito in totale 175 controlli dei quali 46 non conformi (il 27%); il 42% ha interessato il settore sanitario. Hanno accertato 63 violazioni di carattere amministrativo e segnalate 44 persone alle autorità amministrative competenti e contestate sanzioni per un valore totale di 29 mila euro. Inoltre, i carabinieri hanno eseguito sequestri di strutture ricettive, balneari, alimentari, nonché di alimenti per un valore complessivo di 4.220.000 di euro per le irregolarità riscontrate.

Controlli frodi alimentari

Nell’ambito dei controlli finalizzati alla verifica della genuinità dei protocolli e alla repressione delle frodi alimentari, presso aziende di deposito, confezionamento e produzione di alimenti sono stati sequestrati 350 chili di alimenti vari per un valore di 9.900 euro, poiché sprovvisti di tracciabilità in quanto non giustificata da documentazione attestante l’acquisto, l’origine e provenienza.

Controlli stabilimenti balneari: sequestrati alimenti. Chiusa palestra per scarse condizioni igieniche

Nell’ambito dei controlli finalizzati alle verifiche dei requisiti igienici sanitari presso laboratori cucina attivati in punti di ristoro stradali, attività di ristorazione, stabilimenti balneari, agriturismi della provincia Brindisina, sono state accertate gravi carenze igienico strutturali in 15 imprese alimentari; per il tramite del servizio Igiene alimenti e nutrizione della locale Asl è stata disposta la chiusura delle stesse attività commerciali per un valore complessivo di 4 milioni di euro, nonché sequestrati 150 chili di alimenti vari per un valore di 5 mila euro, poiché detenuti con termine minimo di conservazione oltrepassato e sottoposti a procedure di abbattimento e congelamento inadeguato secondo le norme dell’autocontrollo alimentare.

Nel corso dei controlli finalizzati alle verifiche circa la tracciabilità dei prodotti ittici, sono state accertate gravi carenze igienico strutturali in 2 imprese alimentari; per il tramite del servizio Veterinario della locale Asl è stata disposta la chiusura degli annessi depositi alimentari per un valore complessivo di 100 mila euro, nonché sequestrati e distrutti 250 chili di specialità ittiche per un valore di 8 mila euro

Anche nel corso dei controlli volti al contrasto del “Doping” presso palestre e centri sportivi, nel corso dei controlli è stata disposta la chiusura per gravi carenze nei requisiti igienici sanitari di un centro fitness per un valore complessivo di 200 mila euro.