0 Condiviso 754 Visto

Lecce, Manutenzione alloggi popolari, la giunta approva progetti per 2,7 milioni

La giunta comunale ha approvato i progetti definitivi per interventi di manutenzione in tre complessi di edilizia residenziale pubblica in città del valore di 2,7 milioni di euro, finanziati dalla Regione Puglia nell’ambito del Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Gli immobili interessati sono i seguenti: Via Pietro Galatino 18, Via Pistoia 2F-4, Viale della Repubblica 38-48-50, Via Vergine 10-12 e.

In via Galatino (4 alloggi) si procederà con la ristrutturazione dei bagni degli alloggi, compresi tutti gli impianti idrico sanitari e la sostituzione dei sanitari. Ciascun alloggio sarà dotato di nuovo impianto idrico fognante con fornitura di acqua fredda e calda agli apparecchi igienico- sanitari e di impianto di scarico dei reflui attraverso colonne montanti. L’immobile sarà dotato di nuovi infissi per garantire alte performance in termini di isolamento termico e acustico. Saranno messe in sicurezza le facciate, con il reintegro delle parti ammalorate e la ritinteggiatura.

In via Pistoia (30 alloggi) si interverrà sui singoli alloggi con la sostituzione degli infissi, dei portoncini d’ingresso, con il rifacimento dell’impianto idrico e fognario interno del tratto terminale della tubazione di adduzione gas metano nelle cucine e la realizzazione dei fori di aerazione. Saranno posate nuove pavimentazioni e rivestimenti nelle cucine, angoli cottura, lavanderie e nei bagni, sostituiti gli apparecchi igienico-sanitari e le rubinetterie, sostituiti gli aspiratori esistenti nei servizi igienici e pitturate le superfici interne di bagni e cucine. Per ciò che attiene alle parti comuni, saranno realizzate opere di manutenzione straordinaria sull’impianto fognante comune, sostituite le colonne montanti esistenti con nuove tubazioni in acciaio zincato e sostituiti gli infissi esterni del vano scala.

In Viale della Repubblica e Via Vergine (120 alloggi), nei singoli appartamenti dove necessario saranno sostituiti gli infissi esterni, rifatto l’impianto idrico e fognario negli appartamenti nei quali è necessario, postata la nuova pavimentazione e rivestimenti, sostituiti gli apparecchi igienico – sanitari e la rubinetteria, sostituiti i portoni d’ingresso degli appartamenti, ritinteggiate le superfici interne solo dei vani oggetto di manutenzione. Nelle parti comuni saranno sostituiti tutti gli infissi esterni dei vani scala e per i civici 10 e 12 sarà sostituito l’impianto elevatore.

Nella nostra città ci sono edifici di edilizia residenziale pubblica dove non si è riusciti a intervenire per molti anni, talvolta dalla loro prima realizzazione, per ammodernarne le dotazioni – dichiara il sindaco Carlo Salvemini Con questi interventi andiamo finalmente a intervenire, come da anni giustamente richiedono gli inquilini. Gli alloggi popolari sono spazi pubblici, nei quali la comunità accoglie i nuclei familiari che si trovano, anche temporaneamente, in condizione di disagio abitativo, garantendo il diritto alla casa, che diventa effettivo anche grazie ai doverosi e necessari interventi di manutenzione.  Ringrazio l’assessore Marco Nuzzaci, il dirigente Giovanni Puce e l’ufficio Erp del settore Lavori Pubblici per il prezioso lavoro svolto, che consentirà di migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini che abitano questi alloggi”.

Sono interventi attesi da anni, sollecitati da numerosi inquilini che giustamente segnalano periodicamente la necessità di ristrutturare agli alloggi di edilizia popolare – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Marco Nuzzaci grazie ai progetti approvati andremo finalmente a prenderci cura delle abitazioni dove risiedono nuclei familiari in condizioni di fragilità. Per l’amministrazione la vivibilità dei quartieri meno centrali e il decoro delle case popolari sono una priorità. Ringrazio per il lavoro svolto e quello che dovrà ancora essere compiuto l’ufficio Erp, che sovrintende con grande attenzione alle esigenze degli inquilini”.