Bari: Mignani, ‘La sfida col Brescia non è determinante’

Prima di approfondire la sfida con il Brescia nella solita chiacchierata della vigilia con i giornalisti, Michele Mignani ha voluto ricordare Bruno Bolchi, scomparso in settimana a 82 anni. “Consentitemi di rivolgere un pensiero a mister Bolchi, l’ho avuto per una stagione e mi ha aiutato tanto. Le mie più sincere condoglianze alla famiglia”.

BARI-BRESCIA – “Come ho sempre detto, il campionato è appena iniziato, deve ancora entrare nel vivo e la classifica in questo momento va guardata con distacco – spiega Mignani -. Si affrontano due squadre partite bene, che vivono un buon momento e che giocheranno una partita aperta per vincere. Per quanto ci riguarda, viviamo alla giornata sapendo che la sfida con il Brescia non sarà determinante”.

IL BRESCIA – “Clotet è un allenatore che apprezzo e stimo. Per certi aspetti, il Brescia ci somiglia, gioca un buon calcio con giovani di spessore. Verrà a Bari per vincere, ma anche noi abbiamo bisogno di punti”.

SFATARE IL SAN NICOLA – “Vincere davanti ai nostri tifosi deve essere uno stimolo, non una pressione. Giochiamo sempre per vincere, ma ci sono anche gli avversari. Battere il Brescia sarebbe un ulteriore passo avanti importante, anche perché con il trascorrere delle giornate gli avversari ti studiano e imparano a conoscerti”.