Martina Franca, lavoro nero e cocaina, maxi-multa ed un arresto

MARTINA F. – Giro di vite dei Carabinieri di Martina Franca, attuato un servizio straordinario di controllo del territorio, non solo dai reparti territoriali, ma anche con le cosiddette “specialità”: Cinofili di Bari, N.A.S. e N.I.L. di Taranto.

I militari hanno controllato un locale noto per la vendita di Sushi: durante l’ispezione condotta da NAS e NIL, sono emerse diverse violazioni in termini di sicurezza sui luoghi di lavoro, formazione ed informazione dei lavoratori, elevate sanzioni amministrative, per un totale di 8.600,00 Euro, ed ammende per un importo complessivo di ben 50.700 Euro, disposta la sospensione cautelare dell’esercizio. Il proprietario, un cittadino cinese residente a Martina di 25 anni è ritenuto responsabile di illeciti penali ed amministrativi, è stato deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria. Durante l’ispezione sono stati trovati otto lavoratori irregolari, di cui uno in nero.

Inoltre, le pattuglie della Sezione Radiomobile, e quelle in borghese della Sezione Operativa ed ai cinofili, hanno proseguito i controlli, estendendoli ad un benzinaio che, nel corso della sua attività, è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di un noto pusher 44enne martinese, sorpreso con 60 grammi di Cocaina, 200 di Marijuana e 123 di Hashish, nonché di 1 bilancino elettronico di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi e 500 euro in contanti, ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio.

Nel corso del maxi-servizio, sono stati controllati oltre 60 Green Pass.