Carabinieri, a Lecce in visita il generale Rispoli: “Complimenti per le brillanti attività”

LECCE- Si è complimentato con i carabinieri del comando provinciale di Lecce per i brillanti risultati operativi finora conseguiti nel contrasto a ogni forma di criminalità comune e organizzata: il generale di corpo d’Armata Andrea Rispoli è stato in visita al comando provinciale dei carabinieri di Lecce.

L’alto ufficiale, comandante interregionale carabinieri “Ogaden” di Napoli, al vertice delle Legioni territoriali dei carabinieri del centro Sud (Campania, Puglia, Basilicata, Abruzzo e Molise) ha incontrato presso il Palazzo del Governo il Prefetto, Maria Rosa Trio e al Palazzo di Giustizia, il Presidente della Corte d’Appello, Vincenzo Scardia e il Procuratore della Repubblica, Leonardo Leone de Castris.

Il generale Rispoli è stato ricevuto dal comandante provinciale, colonnello Paolo Dembech, dagli ufficiali del reparto Operativo, dagli ufficiali comandanti dei reparti Territoriali e dei reparti Speciali, da una rappresentanza dei comandanti di stazione e dei militari in servizio nella provincia nonché dai delegati della rappresentanza militare.

Nel suo discorso il generale Rispoli ha espresso ai militari il proprio apprezzamento per la quotidiana e tangibile attività svolta; lo straordinario impegno e la dedizione profusa nelle attività di controllo del territorio e di contrasto a ogni forma di criminalità. Lui stesso ha poi sottolineato i valori che animano gli uomini dell’Arma nella loro quotidiana missione al servizio della gente e l’importanza dei comandi stazione, autentico presidio di legalità e modo per assicurare ai cittadini una sempre più attenta e puntuale risposta alle esigenze di sicurezza, ricordando come “la Benemerita” rappresenti da sempre un costante, rassicurante e prezioso punto di riferimento per tutte le comunità locali. Si è soffermato più volte sul concetto di “prossimità” alla gente, quale segno tipizzante dell’Arma dei carabinieri e che si traduce nella vicinanza e nella capacità di ascolto che i carabinieri sanno mettere nel loro operare quotidiano. Ha quindi affrontato con semplicità e concretezza, i temi dell’etica e dello spirito di servizio, sottolineando i valori di fedeltà, professionalità e giustizia su cui si fonda l’Istituzione e ai quali ciascun carabiniere deve improntare il proprio agire al servizio della collettività.

Il generale, in una riunione info – operativa con tutti i convenuti, ufficiali, marescialli comandanti ai vari livelli e personale della sede, ha analizzato le principali problematiche della provincia sotto il profilo della sicurezza pubblica e dell’ordine pubblico ed i fenomeni socio-economici della provincia. Si è poi soffermato sulle varie tematiche afferenti il personale.