0 Condiviso 258 Visto

Personale enti comunali, quanto spendono i tre capoluoghi della BAT

BAT – La Puglia è tra le regioni italiane più virtuose in termini di retribuzione corrisposta al personale degli enti comunali. L’analisi della Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana riguarda anche i tre capoluoghi della BAT, che fanno registrare dati tutto sommato incoraggianti nel rapporto dei costi sostenuti durante l’anno 2020. In esame si prende non solo il personale sotto contratto, ma anche l’estensione territoriale e la quantità di uffici presenti in città.

Su tre dati economici presi in esame, Barletta ottiene la valutazione di doppia A. Il personale assunto a tempo indeterminato comporta una spesa annua di oltre 7 milioni di euro e vale una tripla A, assegnata agli enti italiani che hanno speso meno. Doppia A per gli straordinari leggermente inferiori a 200mila euro annui, A singola, invece, per il personale a tempo determinato con una spesa di oltre 300mila euro.

Tripla A sul personale a tempo indeterminato anche per Andria, che supera quota 7 milioni di euro come Barletta e spende circa 100mila euro in più rispetto alla città della Disfida. Gli oltre 400mila euro per gli straordinari valgono però una doppia B al comune federiciano, che si riscatta con una doppia A in relazione al personale a tempo determinato, per una spesa annua leggermente inferiore ai 200mila euro. La valutazione complessiva, come Barletta, è di una doppia A.

Trani ottiene invece un rating più basso. Tripla B per il terzo capoluogo della BAT, che però spende meno degli altri due per il personale a tempo indeterminato: appena 4 milioni di euro, tre in meno rispetto a Barletta e Andria. Ad incidere sono i valori legati agli straordinari, 250mila euro per una valutazione di doppia B, e personale a tempo determinato, 460mila euro che valgono anche in questo caso una doppia B.

Nota dolente, però, quella del trasporto scolastico: Trani ottiene una singola C a causa dei 660mila euro annui spesi in questa voce del trasporto pubblico locale. Peggio hanno fatto solo Napoli con oltre 11 milioni di euro e Parma con quasi 2 milioni.