0 Condiviso 478 Visto

Modugno, partecipò a festa con pregiudicati: annullato trasferimento per carabiniere

MODUGNO- “Marcata assenza di proporzionalità tra le circostanze del fatto di cui si è reso protagonista l’appuntato e la sanzione adottata nei suoi confronti”: con questa motivazione il Tar Puglia ha annullato il trasferimento da Modugno a Napoli disposto circa un anno fa nei confronti di un carabiniere, per presunti “rapporti di frequentazione, anche indiretti, con pluripregiudicati affiliati” a un clan della provincia.

I giudici avevano già accolto l’istanza cautelare sospendendo il provvedimento e ora con una sentenza di merito hanno definitivamente dato ragione al militare.

La festa del 26 settembre 2020: tra un centinaio di ragazzi anche pregiudicati

La vicenda risale al 26 settembre 2020. Il carabiniere quella sera ha partecipato a una festa per il diciottesimo compleanno del figlio della sua convivente. Tra un centinaio di ragazzi invitati, presenti anche alcuni pregiudicati.

“Il provvedimento sanzionatorio – si legge nella sentenza del Tar – risulta ampiamente sproporzionato” dal momento che le presunte violazioni riguardano “circostanze che non sono state in alcun modo provate e sono rimaste del tutto prive di riscontro, incentrate su una occasionale compresenza del ricorrente e di soggetti controindicati ad una festa per un diciottesimo compleanno con oltre cento invitati.”

Inoltre “l’Arma dei carabinieri ha omesso di avvisare il diretto interessato dell’avvio del procedimento amministrativo di trasferimento” e quindi “non ha permesso al ricorrente di provare la sua eventuale estraneità a rapporti con le persone occasionalmente presenti a detti festeggiamenti risultanti avere a proprio carico taluni precedenti penalmente rilevanti.”