Truffa all’ex Provincia di Bari: tra gli indagati Anita Maurodinoia

Condividi

Truffa all’ex Provincia di Bari, nessuno si costituisce parte civile.

Rischiano il processo per i reati, a vario titolo contestati, di corruzione, falso, truffa, frode in pubbliche forniture e turbativa d’asta, Anita Maurodinoia (Pd), ex vicepresidente del Consiglio provinciale di Bari e attuale consigliere regionale, suo marito Alessandro Cataldo, funzionari e dirigenti dell’ex ente provinciale e imprenditori, tra i quali i fratelli Erasmo e Alviero Antro (le cui dichiarazioni diedero avvio all’indagine) e che nei mesi scorsi sono stati già condannati a 5 anni e 2 mesi di reclusione per un truffa all’ex Provincia.

Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinate dal pm Luciana Silvestris, Maurodinoia, suo marito e l’allora dirigente provinciale Cataldo Lastella avrebbero ricevuto per anni da alcuni imprenditori baresi forniture di generi alimentari, lavori di manutenzione a casa e denaro in cambio di appalti. Tra le contestazioni c’è anche un rimborso da circa 700 euro ottenuto nell’ottobre 2011 da Maurodinoia, per un viaggio a Roma, ufficialmente fatto per impegni istituzionali ma in realtà – secondo l’accusa – per scopi privati. Dopo quasi due anni di rinvii si è arrivati all’udienza di oggi, celebrata nell’aula ‘bunker’ di Bitonto. Il giudice ha fissato le prossime due udienze, il 3 e il 10 luglio, per le discussioni di accusa e difese.

Nessun commento ancora

Lascia un commento