0 Condiviso 562 Visto

Taranto: Capuano, ‘Sarà una Gelbison molto motivata’

“Dopo la partita con l’Andria abbiamo potuto programmare una settimana tipo. Siamo in crescita continua, questo gruppo ha la cultura del lavoro“. Lo ha dichiarato Eziolino Capuano, tecnico del Taranto, alla vigilia del match con la Gelbison, valido per la 5a Giornata di campionato.

Gelbison – “Sarà una gara difficile, come sempre. I nostri avversari avranno la spinta emotiva e l’entusiasmo del cambio di allenatore. Analizzando le loro precedenti partite, abbiamo notato come non abbia mai subìto tantissimo, creando diverse occasioni. Abbiamo preparato la partita concentrandoci sulle caratteristiche dei loro giocatori. Sarà il solito Taranto, non muteremo né la struttura di gioco né la fase mentale di interpretazione della gara. Giocheremo con rispetto per l’avversario, cercando di ripetere le ultime due prestazioni. Mi aspetto una crescita della squadra sotto tutti i punti di vista, poi sono sempre i dettagli a fare la differenza, ma sono molto fiducioso”.

Mercato – “A livello numerico abbiamo delle défaillance in alcune zone del campo. Stiamo cercando di colmare queste lacune: il direttore segue giocatori importanti. Non acquisteremo per fare numero o  gente fuori forma. Quando prendiamo un calciatore, mi piace chiamarlo personalmente per carpirne le motivazioni. Questo è un gruppo sano, volenteroso, cercheremo di portare gente da Taranto. Sicuramente qualcosa va fatto poiché da qui a gennaio ci aspettano tanti impegni”.

Labriola – “Faccio questo mestiere da tanti anni e difficilmente sbaglio nel giudizio di un giocatore. Dopo un Avellino-Vibonese espressi il mio parere su Parisi, definendolo di altre categorie (ora milita nell’Empoli in Serie A, ndr). Labriola è tanta roba, è impressionante per intelligenza tattica, palleggio e applicazione. Riesce a sporcare la giocata avversaria e con l’Andria lo ha dimostrato. È un giocatore di altissimo livello, farà una carriera importantissima”.

Tifosi – “Nella sfida con la Fidelis, la curva ci ha spinto nei momenti di entusiasmo e ci ha sorretto in quelli di difficoltà. Mi auguro che possa venire sempre più gente allo stadio. Io rappresento loro e ci sarò sempre, sarà un piacere e un onore incontrarli”.