0 Condiviso 2389 Visto

Erchie, sequestrò un giovane per gelosia: arrestato 28enne

ERCHIE – Sarebbe stata la gelosia ad accecare un gruppo di 3 giovani di Erchie, raggiunti da ordinanze di misura coercitive personali firmate dal Gip del Tribunale di Brindisi su richiesta del pubblico ministero. Il trio, secondo l’accusa, sequestrò  un ragazzo del posto, di fatto salvato dai carabinieri della locale stazione grazie ad un controllo. Nei guai, altre 3 persone, accusate di favoreggiamento ed emblema di un muro di omertà scavalcato, appunto, dalle indagini dei militari confluite nell’operazione Silente.

I fatti

La vittima, il 5 ottobre 2020, era stata prelevata con un tranello, fatta salire in automobile e trasportata nelle campagne di Erchie. Quindi era stata percossa perché “colpevole” di avere intrattenuto una relazione sentimentale clandestina con la fidanzata di uno degli stessi sequestratori. Un giovane 28enne è stato posto agli arresti domiciliari, mentre ai suoi “complici”, di 30 e 31 anni, è stato imposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. I tre indagati e la vittima furono fermati dai carabinieri nel corso di un controllo stradale che, probabilmente, evitò conseguenze ben più drammatiche.

Il silenzio

Indagate anche altre 3 persone di 25, 21 e 19 anni, per favoreggiamento. Avrebbero fornito false informazioni agli inquirenti nonostante, questa la tesi degli investigatori dell’Arma, sapessero bene come erano andati i fatti, poi minuziosamente ricostruiti dai carabinieri. Il silenzio fu anche quello della stessa vittima che, temendo ritorsioni, non denunciò i suoi presunti aguzzini, restando, appunto, silente.