0 Condiviso 1741 Visto

S.s. Monopoli 1966 | Al Veneziani un Avellino in difficoltà

 

Tre pareggi nelle prime tre, un’eliminazione dalla Coppa Italia che fa male e una situazione non del tutto tranquilla a livello tecnico. L’Avellino arriva a Monopoli con l’obbligo di riscattare la falsa partenza ma anche come una squadra che rischia di cadere nell’oblio con un altro risultato negativo. Il gabbiano si appresta ad affrontare i lupi con le certezze che torneranno, la formazione tipo che vedrà di nuovo in campo Mercadante e Arena e molto probabilmente l’esordio dell’attacco tutto over formato da Starita e Grandolfo. Di fronte Braglia dovrebbe tornare al 3-5-2 che lo ha portato a lottare per il secondo posto nella passata stagione. Partendo dall’usato sicuro della passata stagione come Dossena e Silvestri in difesa, Aloi e D’Angelo a centrocampo con Mastalli a sostituire il grande assente della gara, l’ex Carriero appiedato dal giudice sportivo. Sulle fasce Tito e Ciancio restano i punti di forza, mentre in attacco Di Gaudio, stella del mercato estivo, non è ancora al massimo della condizione. Dovrebbe toccare a Maniero e Kanoute, con Braglia chiamato a rischiare il meno possibile per portare la barca in porto. Il mare di Monopoli, però, si preannuncia agitato per la truppa irpina.