0 Condiviso 150 Visto
Puglia Meteo
Cielo Sereno
34.62°C

Rogo Centro Casalinghi srl | Piena assoluzione per i soci

Assoluzione piena per i soci di Centro Casalinghi s.r.l. (Pompeo e Vincenzo Di Castri) accusati di aver dolosamente incendiato e semidistrutto le strutture della loro azienda e le merci custodite all’interno oltre al fraudolento danneggiamento di beni assicurati. Secondo i giudici il fatto non sussiste. Il collegio difensivo composto dagli avvocati Roberto Palmisano e Pierluigi D’Urso, dall’Ing. Angelo Sgura e dal Dott. Giampiero Moretto ha avuto la meglio nel dimostrare la totale assenza di reato. Di qui la decisione dell’azienda di richiamare l’attenzione delle associazioni di categoria, sindacati e parlamentari del territorio in relazione alle problematiche sulle polizze assicurative nel ramo danni. Se da una parte le aziende sono costrette ad assicurare i beni a costi elevati, dall’altra in caso di sinistro la copertura assicurativa garantita non lenisce i danni aziendali. Le compagnia assicurative prevedono clausole che in caso di accertamento penale, non liquidano il danno fino agli esiti giudiziari. Considerando la durata media del processo penale in Italia, le conseguenze sono immaginabili Per questo si intende sollecitare le commissioni industria di Camera e Senato con lo scopo di valutare l’inserimento di clausole che limitino l’astensione alla liquidazione del danno entro ragionevoli limiti. Ovvero, se l’accertamento penale non si conclude nell’arco di un periodo previsto per legge la Compagnia deve, sia pure con riserva, procedere al pagamento. E questo nell’interesse comune di entrambe le parti ad una rapida definizione del processo.