0 Condiviso 2339 Visto

Regionali a luglio, inutile pressing di Emiliano

La lettera inviata dai governatori Emiliano, De Luca, Zaia e Toti che si richiamavano alla necessità di andare al voto a luglio per garantire agli elettori il diritto a esprimersi in tempi rapidi e possibili è stata rispedita al mittente dal governo che in serata ha provveduto a far firmare il decreto al presidente della Repubblica Mattarella. Le amministrative sono rinviate in una finestra elettorale che va dal 15 settembre al 15 dicembre, semprechè in autunno non si debba fare nuovamente i conti con una ipotizzata ripresa della pandemia. Le condizioni di sicurezza sono prioritarie e a chiudere l’argomento è stato il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Inca’ al termine del consiglio dei ministri. Il governo proroga i Consigli regionali in scadenza di ulteriori tre mesi stabilendo che il voto sarà entro i 60 giorni dalla nuova scadenza degli incarichi. Un ulteriore rinvio, a causa dell’emergenza Covid-19, sarà possibile ma superiore ai tre mesi. Il problema sicurezza non sta solo nelle elezioni quanto alla raccolta firme per le candidature e la campagna elettorale. Si viaggia dunque verso un election day tra settembre e ottobre per risparmiare in termini di tempo e risorse.