Francavilla Fontana, pestato dal branco: “Pensavo mi ammazzassero”

FRANCAVILLA FONTANA – La testimonianza del 35enne Angelo Di Coste, brutalmente picchiato da una banda di giovani davanti alla sua abitazione, ai microfoni di Antenna Sud: “pensavo mi ammazzassero, una violenza inaudita”

Nelle scorse ore, i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana hanno identificato gli aggressori, tra cui anche un minore

L’aggressione

Angelo era stato pestato nei pressi della sua abitazione da un gruppetto di ragazzi per futili motivi.  Era accaduto nella serata di mercoledì nei pressi di piazza Verdi dove il 35enne, rientrando a casa dopo una partita a calcio, era stato raggiunto dai cinque giovani, quindi circondato e poi colpito più volte con calci e pugni. A soccorrere il poveretto, il fratello e alcuni residenti.

Piazza Verdi vista da Google Maps

 

L’episodio è stato denunciato ai carabinieri della compagnia al comando del capitano Alessandro Genovese, ora sulle tracce dei responsabili. Si tratterebbe di ragazzi che, pare rimproverati dal 35enne nei pressi di un campo di calcio in un centro della provincia brindisina, si sarebbero poi voluti vendicare con un gesto di inaudita violenza una volta rientrati a Francavilla Fontana.

 

L’episodio di ottobre: minore in ospedale

Ad ottobre, un 17enne di Sava picchiato in piazza Dante, nel centro storico della Città degli Imperiali, era stato ricoverato nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Brindisi. Il sindaco Antonello Denuzzo aveva chiesto maggiori controlli.