Potenza-Cerignola e il testa a testa in Serie D: i precedenti

Potenza-Cerignola, match che Antenna Sud trasmetterà in diretta esclusiva mercoledì 30 novembre, rievoca sicuramente il testa a testa di qualche anno fa nel Girone H di Serie D. Le due squadre, infatti, si resero protagoniste di tre interessanti incroci nella stagione 2017/2018, ultima occasione in cui le due compagini si sono affrontate. Un Potenza schiacciasassi ed un Cerignola, come oggi matricola terribile, arrivarono alla gara d’andata di quel campionato con soli 2 punti di distacco. Al “Viviani”, davanti ad una cornice di 6000 spettatori, i rossoblù uscirono vincitori con un secco 3-0 ricordato specialmente per la stupenda rovesciata di França: i 600 cerignolani presenti assistettero alla prima sconfitta della gestione Farina, che si concluse proprio qualche ora dopo il fischio finale. Il match di ritorno infranse ogni desiderio di promozione degli ofantini. Al “Monterisi” il Cerignola ospitava la capolista Potenza proprio per tenere vive le ambizioni del salto di categoria. L’iniziale vantaggio gialloblù di Russo fu annullato dal colpo di testa ancora di França che, al 90’, firmò l’1-1 definitivo gelando i 4000 presenti: fu il gol che indirizzò i lucani verso la vittoria finale del campionato. L’ultimo atto fu la sfida valevole per i quarti di finale di Coppa Italia, che vide contrapporsi proprio Cerignola e Potenza. In un “Monterisi” spettrale, senza pubblico dopo gli episodi tra le tifoserie avvenuti in occasione della gara di ritorno giocata in Puglia, i rossoblù ebbero vita facile, vincendo 2-0 grazie alle reti di Siclari e, ancora una volta, Carlos França. Nel segno dell’attaccante brasiliano, nel 2018 svanì ogni sogno di gloria del Cerignola, dalla mancata promozione in Serie C alla prestigiosa appendice della Coppa. Parlando di ex invece, chi mercoledì sera vivrà sicuramente delle sensazioni speciali sarà Giuseppe Coccia, attuale esterno destro del Cerignola ma capitano proprio del Potenza fino a pochi mesi fa: ben 5 le stagioni tra le fila dei lucani. Dalle parti dell’Ofanto sperano che la storia possa cambiare: questa volta i presupposti ci sarebbero tutti.

Foto di Tony Vece.