0 Condiviso 2071 Visto
Puglia Meteo
Cielo Coperto
21.11°C

Odg e Assostampa sconcertati da Emiliano

 “Il lavoro dei giornalisti è dare le notizie per informare i cittadini. Sorprende, quindi, che il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, possa screditare un’intera categoria professionale in una chat con i consiglieri regionali di maggioranza, come riportato dalla ‘Gazzetta del Mezzogiorno’. Le frasi attribuite al presidente Emiliano (‘I giornalisti prendono sempre le notizie da soli e si imputtanano quando sono questioni complesse’) destano sconcerto e preoccupazione circa il rapporto con la libera stampa e il rispetto del diritto di cronaca che in primis un presidente di Regione dovrebbe tutelare, avendo giurato fedeltà a quei valori costituzionali”. Lo affermano in una nota Ordine dei Giornalisti e Assostampa di Puglia riferendosi alle notizie sulla circolare della Regione dell’11 aprile corso nella quale si diceva che dal giorno successivo “l’accesso alla vaccinazione per tutte le persone di età superiore ai 60 anni che non si trovano in condizione di estrema vulnerabilità e/o di disabilità grave è consentito senza alcuna preventiva conferma di adesione o prenotazione”. La circolare è stata di fatto ‘congelata’ dopo poche ore a seguito di una riunione operativa che ha disposto l’accesso agli hub vaccinali per il giorno successivo ai soli 79enni. “Non è chiaro – scrivono Odg e Assostampa – se il giudizio del presidente della Regione riguardi anche i giornalisti del Financial Times (‘La Puglia è forse il miglior esempio del sistema disfunzionale delle vaccinazioni’, ndr), ma riteniamo che più che offendere un’intera categoria professionale sarebbe semmai opportuno che il Presidente e il suo esecutivo rispondessero alle domande creando – compatibilmente con le restrizioni dovute alla pandemia – le condizioni perché i cittadini, tramite i media, siano correttamente informati”. “Ci pare, invece, che sia sul fronte delle attività di comunicazione della Regione (che andrebbe rafforzata, come già da mesi sollecitato in richieste di confronto puntualmente snobbate) sia su quello delle relazioni con le testate giornalistiche – prosegue la nota -, al presidente della Regione piacciano solo o le “veline” o le informazioni che non “danno fastidio”, attribuendo ai giornalisti la scarsa chiarezza e trasparenza di informazione quando compaiono notizie scomode”. “Scaricare sui giornalisti responsabilità che non sono dei giornalisti – concludono Ordine e Assostampa – purtroppo sta diventando uno sport nazionale al quale – anche in questa occasione – il presidente Emiliano non è riuscito a sottrarsi”.