0 Condiviso 856 Visto

New Basket Brindisi, il presidente Marino: «Buone notizie per la New Arena. Champions League? Ci faremo trovare pronti»

Nando Marino, presidente della New Basket Brindisi, è intervenuto ai nostri microfoni per fare il punto in un’intervista esclusiva. Il numero uno della Stella del Sud ha innanzitutto tracciato un bilancio sulla stagione da poco terminata, confermando poi la volontà di giocare la prossima Champions League. Infine, un importante passaggio sulla New Arena, per la quale pare sia davvero tutto pronto.

«Il bilancio stagionale è positivo. Il nostro obiettivo ogni anno è la salvezza, anche se è inutile negare che ci sia stato un po’ di rammarico dopo aver vinto sei delle prime sette partite. Pensavamo di poter continuare a frequentare i quartieri alti della classifica, ma ciò non è stato possibile anche a causa dei tanti infortuni che hanno visto protagonisti molti dei nostri giocatori. Qualcuno ha anche accusato difficoltà di inserimento, come ad esempio Clark. Tesserarlo ed aspettarlo per così tanto tempo dopo un lungo infortunio è stato sicuramente il più grande errore della nostra stagione. Alla fine ci siamo salvati tranquillamente, abbiamo lottato per i playoff fino alla penultima giornata. Champions League? Se dovesse arrivare una chiamata non ci faremo trovare impreparati. Vogliamo essere sempre presenti in Europa. La costruzione del roster dipenderà proprio dalla partecipazione alla prossima Champions League. Se avremo la possibilità di iscriverci serviranno 12 giocatori veri, pronti ad aiutare la squadra in ogni momento. Il basket moderno è prevalentemente atletismo, chi pensa di dover restare in campo ad ogni costo per migliorare il proprio tabellino non ha evidentemente capito che questo è un gioco di squadra. Qualora non dovessimo avere la fortuna e l’onore di giocare la Champions League costruiremo un roster più corto. Se saremo costretti a giocare solo la domenica allora lo faremo, ma con grande passione e professionalità. Tutti i componenti della squadra dovranno rispettare le decisioni dell’allenatore. La New Arena è la notizia più bella dell’ultimo periodo. Abbiamo preferito attendere prima di parlarne per capire a che punto fossimo realmente. È stata approvata la pratica con i fondi regionali, che copriranno il 45% dell’importo globale dell’opera. Il 15% l’abbiamo già deliberato in un’assemblea del consiglio di amministrazione e dei soci. La parte restante è relativa alle banche ed al credito sportivo, ma non ci saranno problemi in merito. I prossimi 100 giorni saranno fondamentali: da settembre in poi si lavorerà h24 per mettere il tutto in piedi e cominciare a costruire la “New Arena».