0 Condiviso 1234 Visto

Cicloturismo, accordo tra Fasano e Monopoli: nasce l’associazione temporanea scopo

FASANO- Un’altra tappa sul percorso della pista ciclabile è stata percorsa. Questa mattina, 17 dicembre, il consiglio comunale ha approvato la costituzione dell’associazione temporanea di scopo tra Fasano e Monopoli che è necessaria per la gestione del finanziamento ministeriale relativo al progetto esecutivo.

I due comuni si sono uniti in associazione temporanea di scopo in linea con quanto richiesto dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili che è responsabile dell’attuazione del Pac infrastrutture e reti 2014- 2020.

A maggio scorso, infatti, la ciclopedonale “Costa dei trulli” è stata ammessa al primo step del finanziamento. L’idea ha ottenuto 386.920, 80 euro per la progettazione esecutiva.

Per la gestione di tale finanziamento il ministero ha richiesto la formalizzazione di un’ats tra i due comuni in seguito alla quale potranno essere espletati tutti gli obblighi relativi alla gara per l’affidamento del progetto esecutivo.

Il progetto “Costa dei trulli”

Il progetto della Ciclopedonale mira a valorizzare e migliorare la fruizione di uno dei territori più attrattivi della Puglia attraverso la bici. Una dorsale lunga oltre 20 chilometri: da Monopoli a Torre Canne, per tutto il litorale adriatico attraverso le località balneari di Capitolo, Savelletri, e l’area archeologica di Egnazia mettendo in rete circa 80 attrattori turistici, paesaggistici, storici, culturali, archeologici di un tratto tra i più suggestivi di Puglia.

Il progetto della ciclopedonale è partito nel 2019 con la sottoscrizione del protocollo d’intesa fra Regione Puglia, Mibact (segretariato regionale per la Puglia, soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Bari, Brindisi, Lecce e Taranto) comuni di Monopoli e Fasano.

A fine gennaio il ministero ha inserito la ciclopedonale tra i 64 progetti che hanno superato la prima fase (su oltre 185 presentati da Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia) e poi a maggio è arrivata la buona notizia del finanziamento per la progettazione esecutiva su una somma totale richiesta di oltre 15 milioni di euro.

“La costituzione dell’ats è un atto propedeutico alla fase di gara che ci consentirà di avere un progetto immediatamente cantierizzabile – dice il sindaco Francesco Zaccaria –. Un’altra tappa del percorso di realizzazione di quello che non è solo un sogno, ma una concreta possibilità di sviluppo per il nostro territorio: una dorsale di turismo esperienziale che renderà ancora più attrattivo il nostro tratto di costa mettendo in rete le nostre bellezze più belle e favorendo un’ulteriore crescita a beneficio di visitatori e cittadini nell’ottica di una visione nuova e moderna di sviluppo. Ora ci attiveremo per portare avanti tutte le procedure successive in modo tale da poter continuare il percorso verso la realizzazione della ciclopedonale più lunga di Puglia”.

“Non stiamo parlando di un’utopia, ma di un sogno che si avvicina a diventare realtà. La proposta per la quale chiediamo il finanziamento – dice l’assessore ai Lavori pubblici e all’ambiente Gianluca Cisternino – si pone l’obiettivo di collegare attraverso un percorso pedonale e ciclabile due territori che hanno un marcato appeal turistico. Stiamo parlando di un tracciato che si snoda in un percorso caratterizzato da straordinario interesse turistico, culturale e paesaggistico. L’ammissione al finanziamento consentita di realizzare un progetto che garantirà al territorio enormi benefici sotto molteplici aspetti. Non è solo una buona cosa per chi si sposta in bicicletta o vorrebbe farlo, ma di un asse di collegamento, ispirato all’antico tratto della via Traiana, che da Roma raggiungeva Brindisi passando attraverso Egnazia, che incentiva la mobilità alternativa ed ecologicamente sostenibile”.