0 Condiviso 614 Visto

Elezioni 2022, manifesto politica etica: l’invito di Libera nei comuni di Giovinazzo, Terlizzi e Molfetta

GIOVINAZZO- È stato inviato a tutti i candidati di Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi il documento elaborato in vista delle prossime elezioni amministrative dai Presidi di Libera delle città di Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi. Cosa viene chiesto? Etica della responsabilità.

Le elezioni amministrative sono alle porte e sono ormai note le liste dei candidati. L’appuntamento con il voto è un passaggio fondamentale per i cittadini e per il futuro dei comuni coinvolti nella tornata elettorale. A questo si aggiunge che, in un momento storico così complesso, si renderanno presto necessarie risposte politiche rapide ed efficaci.

In questi ultimi mesi, i presidi di Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” non sono rimasti a guardare e hanno elaborato un Manifesto per un’etica della responsabilità.

I manifesti dei singoli Presidi per le tre città si possono scaricare da questi link:

A partire dai documenti proposti dagli organismi nazionali di Libera e dai codici etici per partiti, gruppi politici ed elettori, promossi negli scorsi anni dall’Azione Cattolica della Diocesi di Molfetta – Ruvo – Giovinazzo – Terlizzi in cui sono attivi i tre Presidi, è stato creato un manifesto condiviso, che parte dalle specificità di ogni singolo territorio e avanza particolari richieste e impegni a chi governerà le tre città.

Il manifesto invita i futuri amministratori a un impegno serio e concreto su temi e problematiche particolarmente cari a Libera: socialità, inclusione, trasparenza, prevenzione, contrasto al gioco d’azzardo e riutilizzo dei beni confiscati.

Il manifesto interpella anche gli elettori, richiamandoli al loro diritto/dovere di scegliere con coscienza i propri rappresentanti, di partecipare alla costruzione del futuro della città e di monitorare le azioni del governo.

Il manifesto è stato condiviso con i candidati sindaci delle tre città e con le loro coalizioni e a tutti loro viene richiesto l’impegno non solo formale ma concreto di praticare – come ribadito nel documento – “una politica etica, trasparente, competente e responsabile volta a prevenire e contrastare le mafie e la corruzione e a costruire una comunità bella, accogliente e solidale”.