0 Condiviso 3913 Visto

Taranto, non si ferma all’alt e ingaggia inseguimento con i carabinieri: nei guai un 36enne

TARANTO- Ha deciso di non fermarsi quando il carabiniere ha estratto la paletta per intimare l’alt e ha, anzi, dato gas al motore, ingaggiando un pericoloso inseguimento per le vie cittadine durato circa 20 minuti: è finito ai domiciliari un 36enne di Taranto già noto alle forze dell’ordine.

È accaduto nella serata di ieri, 23 novembre, quando, nell’ambito di un servizio di pattugliamento in zona Salinella, i carabinieri della Sezione Radiomobile di Taranto, hanno notato un’auto con due soggetti a bordo aggirarsi in modo sospetto nell’area degli agglomerati popolari.

I militari hanno intimato il segnale di “alt” ai due ma il conducente, per tutta risposta, ha accelerato al fine di eludere il controllo. Ne è scaturito, quindi, un lungo inseguimento ad alta velocità per le trafficate vie cittadine che è terminato solo quando, 20 minuti dopo, all’altezza di via Giusti, il conducente ha arrestato la marcia e ha tentato di fuggire a piedi venendo però inseguito e placcato da un militare.

L’uomo, un 36enne pregiudicato tarantino senza patente, sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali, è stato bloccato e sia lui che la sua auto sono stati sottoposti a perquisizione, al termine della quale sono stati trovati due coltelli, una roncola e una dose di hashish. Al termine delle operazioni il fermato è stato dichiarato in arresto e sottoposto al regime degli arresti domici