0 Condiviso 542 Visto

Il Lecce pensa a Maksimovic per puntellare la difesa

Prosegue a testa bassa il proprio lavoro Pantaleo Corvino, che nelle prossime settimane chiuderà nuovi colpi in entrata per il suo Lecce. Siamo davvero ai dettagli per il giovane attaccante del Milan Lorenzo Colombo, che salvo straordinarie sorprese approderà in giallorosso a titolo temporaneo. Chiuso il secondo innesto offensivo, Corvino potrà concentrarsi sulla difesa. Il nome nuovo, a tal proposito, è quello di Nikola Maksimovic, centrale serbo classe ’91 di proprietà del Genoa. Potrebbe essere dunque l’ex Napoli il sostituto di Fabio Lucioni in vista della prossima stagione, sebbene sia reduce da un’annata tutt’altro che fortunata. Riflessioni in corso anche per la porta, con Simone Scuffet che pare sia ancora il candidato numero uno per raccogliere l’eredità di Gabriel. L’operazione con l’Apoel Nicosia non dovrebbe nascondere grosse insidie, ma il Lecce potrebbe pensar bene di cautelarsi con un piano B, che risponde al nome di Wladimiro Falcone. Sulle tracce dell’estremo difensore della Sampdoria anche Empoli e Spezia, ma il Lecce potrà giocare in proprio favore la carta Trinchera, suo ex direttore ai tempi del Cosenza. Ci sarebbe infine anche un piano C, una soluzione d’esperienza a basso costo. Pare che sul taccuino dei salentini spicchi anche il nome di Vito Mannone, portiere 34enne svincolato dopo due anni passati in forza al Monaco. Assodati i possibili colpi in entrata, non possiamo però escludere altre uscite. Il giallorosso più richiesto, al momento, è Gabriel Strefezza, su cui nei giorni scorsi era piombato il Torino. Ora l’interesse dei granata sembra essersi affievolito, ma in compenso si è fatto vivo il Bologna, che vede nell’esterno brasiliano il sostituto ideale di Orsolini. Solo un sondaggio, per il momento, ma che a breve potrebbe tramutarsi in offerta ufficiale. Del resto, fra le fila del Lecce, nessuno è incedibile.