0 Condiviso 2091 Visto

Il Casarano lavora sottotraccia alla costruzione della guida tecnica

In quel di Casarano, le pratiche relative alla questione societaria non sono ancora state definite, ma nel frattempo stanno circolando con insistenza crescente i nomi inerenti all’area tecnica rossoblù. Come vi abbiamo già raccontato, Gianpiero Maci potrebbe decidere di ritirare le proprie dimissioni, tornando sui suoi passi e coprendo nuovamente il ruolo di presidente del Casarano. In attesa che il Maci-bis prenda ufficialmente vita, le serpi starebbero lavorando sottotraccia, valutando la possibilità di ripartire con un progetto assai ambizioso. Per quanto concerne il ruolo di direttore sportivo, resta viva (per quanto non più in pole) la pista che porterebbe a Francesco Montervino. Nelle ultime ore sembrerebbero invece salite le quotazioni di Carlo Musa, che nell’ultima stagione ha ricoperto il medesimo ruolo fra le fila del Teramo. Musa conosce bene la Serie D, nella stagione 2018/2019 centrò il salto di categoria con l’Avellino per poi vincere anche la Poule Scudetto. Il nome nuovo è quello di Andrea Corallo, che ha lasciato il Nardò dopo 8 anni. L’impressione dunque è che i tre possano contendersi il ruolo di diesse, mentre per la panchina resta caldo il profilo di Vito Di Bari, reduce dall’esperienza di Andria, dove ha strappato la salvezza nel girone C di Serie C. Da non escludere la possibile conferma di Monticciolo.