0 Condiviso 709 Visto

Grottaglie, dimissioni assessore bilancio e tributi

GROTTAGLIE- Dimessa l’assessore Maria Teresa Marangi della giunta D’alò a Grottaglie. “Nella giornata odierna ho rimesso nelle mani del Sindaco del Comune di Grottaglie, Avvocato Ciro D’Alò, le deleghe assessorili ai Beni Comuni, Fondi Comunitari, Spending Review, PNRR, Parco Delle Gravine, Patrimonio, Servizi Demografici, Servizi Finanziari (Bilancio e Tributi), Sviluppo Economico, Attività Produttive, Commercio, Industria, Fiere e Mercati e Trasporti locali”, scrive la Marangi.

“Essendo venuta a conoscenza di frizioni tra lo stesso Sindaco D’Alò e il Consigliere comunale Massimo Zimbaro, del quale sono espressione in Giunta, con questo atto ho inteso favorire un chiarimento all’interno della maggioranza, nel segno della lealtà e della trasparenza che ho sempre avuto nei confronti del Primo cittadino e dell’Amministrazione, gli stessi sentimenti che hanno guidato tutta la mia attività assessorili e, prosegue l’ex componente di giunta, sono certa che anche in questa occasione il Sindaco Ciro D’Alò saprà prendere le decisioni più opportune per lo sviluppo e la prosperità della nostra amata comunità grottagliese.

Ringrazio il Primo cittadino per le attestazioni di stima personale e di apprezzamento per il mio lavoro fin qui svolto nell’amministrazione comunale che, anche in queste ore, lo stesso Sindaco mi ha espresso, insieme ad assessori e consiglieri comunali.

Ringrazio il consigliere Massimo Zimbaro ed il gruppo di lavoro di “NOI CI SIAMO” per avermi consentito di fare questa meravigliosa esperienza che mi ha permesso di conoscere meglio la nostra comunità, di relazionarmi con tanti cittadini, associazioni e stakeholder, e soprattutto li ringrazio per i preziosi consigli ricevuti in questi mesi, particolarmente importanti per me che sono di fatto una “tecnica prestata alla politica”.

Ringrazio, inoltre gli uffici comunali per la preziosa collaborazione ricevuta in questi mesi in cui ho avuto l’opportunità di mettere al servizio della comunità la mia persona e la mia professionalità”, conclude.