0 Condiviso 1239 Visto

Giochi Mediterraneo: nave Palinuro in Algeria, staffetta con Taranto

TARANTO – La nave scuola Palinuro della Marina Militare italiana è arrivata oggi a Orano, in Algeria, per la diciannovesima edizione dei Giochi del Mediterraneo. A Orano avverrà la staffetta con Taranto che raccoglierà il testimone della ventesima edizione dei Giochi che si terranno nella città pugliese nel 2026. La cerimonia avverrà il 6 luglio con la consegna della bandiera dei Giochi del Mediterraneo da Orano al sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci. A bordo della Palinuro erano il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, e l’ammiraglio Lorenzano Di Renzo per la Marina Militare. Rappresentavano Taranto l’assessore ai Lavori pubblici, Mattia Giorno, ed Elio Sannicandro, direttore generale di Asset (l’Agenzia della Regione Puglia per lo sviluppo sostenibile). La Palinuro, che è un veliero, sarà a Taranto il 12 luglio.

Negli incontri che ci sono stati a Orano nel quartier generale Italia “abbiamo discusso del lavoro che c’è da fare e di come la città si stia preparando al grande evento internazionale, insieme con le varie realtà locali e in particolare con la Marina Militare Italiana”, spiega Mattia Giorno. I Giochi del Mediterraneo, assegnati a Taranto nell’agosto 2019 dal comitato internazionale, sono sullo stesso modello delle Olimpiadi, cioè con le stesse discipline sportive, ma vi partecipano solo gli atleti dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo. La Puglia ha già ospitato i Giochi del Mediterraneo. Si svolsero dal 13 al 26 giugno 1997 a Bari e vi parteciparono 3473 atleti provenienti da 21 Nazioni e 1541 ufficiali di gara. Appena reinsediato come sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci ha già incontrato a Roma il presidente del Coni, Giovanni Malagò. Riavviati una serie di adempimenti che a Taranto si erano bloccati per il commissariamento del Comune. “Avevamo la necessità di riavviare l’iter e recuperare questi sette mesi – dice Melucci – un tempo prezioso soprattutto per le esigenze progettuali dei nuovi impianti. Ne ho discusso col presidente Malagò e ho riportato a consiglio e assemblea l’urgenza di non perdere altre settimane”. Per i Giochi del Mediterraneo a Taranto, il Parlamento ha già stanziato 150 milioni a marzo scorso con un emendamento al decreto Sostegni Ter. Per i Giochi a Taranto, che vedranno anche manifestazioni a Brindisi e Lecce, prevista in un’ampia parte la ristrutturazione e l’ammodernamento dell’impiantistica sportiva e ricettiva già esistente e la costruzione di un gruppo limitato di nuovi impianti tra cui il palazzo del nuoto.