Gdf, Calendario 2023 tributo al made in Italy. Zafarana: “Tuteliamo imprese”

Roma – 37 miliardi di euro, ai quali vanno aggiunti 4,8 miliardi di minori entrate in termini di contributi e Irpef non versati. A tanto ammonta il danno per l’economia nazionale della contraffazione.
Cifre, queste che danno la misura di quanto la tutela del made in Italy sia un asset fondamentale. A dirlo e’ il comandante generale della Guardia di finanza, Giuseppe Zafarana, durante la presentazione del calendario storico 2023 all’auditorium parco della musica di Roma. C’e poi il tema del contrasto all’evasione fiscale e il riciclaggio negli obiettivi della Gdf, ma ormai si hanno, spiega il comandante, meccanismi operativi collaudati nel contrasto e la prevenzione di questo settore. Una presentazione speciale per un calendario vera e propria opera d’arte realizzata con il contributo di Giorgio Armani e questo perche’ il made in Italy non è solo un marchio ma un condensato di storia, cultura, tradizioni, ingegno, innovazione. ”L’italianità” c’e scritto nel calendario delle fiamme gialle è un bene di inestimabile valore, che va difeso con ”fermezza e determinazione”