Foggia-Picerno 5-4: I rigori premiano i rossoneri (sintesi)

Con Fabio Gallo e Matteo Lauriola in tribuna, Gentile si congeda dalla panchina del Foggia con la qualificazione al secondo turno di Coppa Italia di Serie C. I rossoneri si aggiudicano ai rigori la sfida dello Zaccheria con il Picerno, dopo che tempi regolamentari e supplementari si erano chiusi sullo 0-0. Decisiva la parata di Raccichini su Garcia all’ultimo penality della serie di 5 calciato dal lucani.

FOGGIA-PICERNO 5-4 dcr (0-0)

SEQUENZA RIGORI: Petermann (gol), Reginaldo (gol), Costa (gol), Pitarresi (gol), Peschetola (gol), Golfo (gol), D’Ursi (gol), Kouda (gol), Peralta (gol), Garcia (parato).

FOGGIA (4-3-1-2): Raccichini; Garattoni, Malomo (31’ st Papazov), Di Pasquale, Costa; Odjer (28’ st Petermann), Frigerio (45+1’ st Chierico), Di Noia (45+1’ st Peralta); Schenetti (12’ st Peschetola); Vuthaj, Ogunseye (12’ st D’Ursi). Panchina: Illuzzi, Nobile, Rotoli, Sciacca, Leo, Nicolao, Iacoponi, Tonin. All. Gentile.

AZ PICERNO (4-3-3): Albertazzi; Pagliai (3’ pts Monti), Finizio, Allegretto, Garcia; De Cristofaro (35’ st Kouda), De Ciancio (25’ st Dettori), D’Angelo; Liurni (35’ st Pitarresi), Gerardi (25’ st Reginaldo), Santarcangelo (18’ st Golfo). Panchina: Crespi, De Franco, Diop, Montesano. All. Longo.

ARBITRO: Pezzopane de L’Aquila. Assistenti: Daljit e Bracaccini. IV: Maresca.

AMMONITI: Santarcangelo, De Cristofaro (P); Papazov (F).