0 Condiviso 416 Visto
Puglia Meteo
Cielo Coperto
28.25°C

Foggia, incediata di notte porta di casa del calciatore rossonero Gentile

Terrore a casa Gentile. Ignoti si sono introdotti nel palazzo in zona macchia gialla a Foggia e hanno dato fuoco al tappetino e alla porta d’ingresso della casa dove il centrocampista numero 8 del Calciofoggia, sua moglie e i figli piccoli (di 8 e 3 anni) dormivano. È accaduto intorno all’1 e 45, è stato utilizzato liquido infiammabile. Fortunatamente, danni alla porta a parte, solo tanta paura. Gli stessi vicini hanno aiutato il 35enne a spegnere le fiamme. Sul posto è intervenuta la polizia.
“Il gesto di questo miserabile non va naturalmente ad infangare un intera tifoseria e una comunità ma sicuramente distrugge la serenità di una famiglia e la nostra serenità” ha commentato il direttore tecnico del Calciofoggia Ninni Corda.
Solidarietà anche da parte del sindaco Franco Landella: “non è giusto che una sparuta minoranza criminale e violenta debba rovinare l’armonia di un’intera comunità: non possiamo stupirci se il nostro amato territorio finisca in fondo alle classifiche sulla qualità della vita. Non stupiamoci se qui la gente ha paura e questo clima di sospetto e terrore spaventa gli investitori e tutte le persone di buona volontà che vogliano scommettere su questa terra.
Foggia non ci sta.
Non possiamo restare inermi dinanzi a un episodio così terribile e violento.
In qualità di primo cittadino e tifoso amante del Foggia Calcio, esprimo tutto il mio sostegno e la mia solidarietà a Federico Gentile e alla sua famiglia”.

Attilio Scarano