Cinque giornate di squalifica ad Anelli e tre a Manzo. Sanzionati anche Foggia e Taranto

Condividi

Non hanno fine gli strascichi del match tra Foggia e Taranto. Questo pomeriggio è stato diramato il comunicato ufficiale dal Giudice Sportivo di Serie D, che ha inflitto a Cristian Anelli, centrocampista del Foggia, cinque giornate di squalifica «per avere, nel corso dell’intervallo, tentato di colpire con una manata, dapprima, l’allenatore e, in seguito, un calciatore della squadra avversaria, al quale rivolgeva anche gesti irriguardosi e uno sputo. Tale condotta determinava una situazione di forte tensione, nel tunnel degli spogliatoi, tra diversi calciatori delle due squadre, sedata solo grazie all’intervento delle Forze dell’Ordine».

A CARICO DI ALLENATORI SQUALIFICA
PER TRE GARE EFFETTIVE
CORDA NINNI (CALCIO FOGGIA 1920)

Per avere, nel corso dell'intervallo, nel tunnel che conduce agli spogliatoi, protestava con atteggiamento irriguardoso all'indirizzo del Direttore di gara. Successivamente, inoltre, rivolgeva espressioni offensive ad un calciatore della squadra avversaria partecipando così un parapiglia con i calciatori della squadra avversaria. ( R A - R CdC - Rapp.Coll.Procura Federale)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO
SQUALIFICA PER TRE GARE
MANZO LUIGI (TARANTO F.C. 1927 S.R.L.)

Per avere, al termine della gara, nel tunnel che conduce agli spogliatoi, colpito con uno schiaffo al volto l'allenatore della squadra avversaria.

Ma non solo per i calciatori, sono arrivate sanzioni anche per i due club:

AMMENDA
Euro 1200,00 TARANTO F.C. 1927 S.R.L. Per avere propri calciatori, nel corso dell'intervallo, preso parte a un parapiglia con spintoni e frasi triviali, all’indirizzo dei calciatori avversari. Per avere danneggiato i bagni del proprio spogliatoio. Si fa obbligo di risarcire i danni se richiesti e documentati. ( R A - R CdC - Rapp.Coll.Procura Federale)

Euro 1000,00 CALCIO FOGGIA 1920 Per avere propri calciatori, nel corso dell'intervallo, preso parte a un parapiglia con spintoni e frasi triviali, all’indirizzo dei calciatori avversari. (Rapp. Coll.Procura Federale )

Nessun commento ancora

Lascia un commento