Editoriale | Spopola il virus della baresita’

Condividi

(di Onofrio D’Alesio) - L’atteggiamento dissacrante e fatalista, un po’ sopra le righe e i toni sfumati della rassegnazione sono il succo della baresita’ a tutto tondo. che impazza sui social e non solo. In un periodo di quarantene il virus dell’ironia popolare e’ sfuggito dalle zone rosse e dai confini della nostra regione per portare un tocco del nostro modo di essere. Anche lì dove hanno bisogno dei sottotitoli per tradurre l’incomprensibile slang barese. Il servizio andato in onda, è uno spartito scritto con le note colorite e folkloristiche, ma che ha colto il senso più popolare delle cose e dei modi di essere, offrendo uno spaccato che le telecamere e i microfoni di Antenna Sud hanno semplicemente portato alla ribalta nazionale attraverso internet, tv e radio nazionali. Prendiamoci un attimo di sottile leggerezza e ripartiamo con la dovuta serietà. Se non altro perché vorremmo aprire una parentesi più ariosa oltre i bollettini sanitari e le emergenze. Consentiteci. In fondo la vita continua anche davanti alla realtà, alle psicosi e agli scenari apocalittici, ma dobbiamo andare avanti. Il Covid19 non è uno scherzo, e neanche da sottovalutare, ma credo che i baresi, quei baresi scelti a caso dalla nostra troupe, colti nelle loro azioni quotidiane, abbiano mostrato un genere diverso di anticorpi per fronteggiare il virus e la paura. Nonostante superficialità, l’incoscienza e in alcuni casi anche elementare ingenuità. Che il tutto diventi un modo insomma per esorcizzare il dramma. In fondo siamo il popolo che ha dato vita al melodramma.

Nessun commento ancora

Lascia un commento