0 Condiviso 20223 Visto

Crispiano, trovato senza vita l’uomo disperso da venerdì

CRISPIANO (TA) – Dopo quasi quarantotto ore di ininterrotte ricerche nelle campagne tra Crispiano e Massafra, nella tarda mattinata di oggi è stato trovato il corpo senza vita di Fedelino Margheriti, 51enne, originario di Torre Santa Susanna, nel brindisino. Il cadavere si trovava a circa 600 metri dal punto in cui aveva sostato con la macchina insieme ai suoi due amici che si erano recati con lui in cerca di funghi nel primo pomeriggio dello corso 3 dicembre. Il corpo è stato individuato dall’elicottero dei Vigili del fuoco, e poi rintracciato dalle squadre di terra del Saf di Taranto e Martina Franca , con l’ausilio dei Tas (la sezione degli esperti cartografici). L’uomo era arrivato nel tarantino con due amici, i tre si sarebbero poi divisi e ciascuno si sarebbe mosso per conto proprio nella ricerca dei funghi. All’orario convenuto, sul posto scelto per ritrovarsi, sarebbero arrivati solo i due amici dell’uomo, ma non il 51enne. Le ricerche, avviate subito dopo l’allarme, hanno visto impegnati numerosi uomini e mezzi, i soccorritori hanno operato senza soluzione di continuità: Vigili del fuoco, Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale, Protezione civile, Croce Rossa e sanitari del 118. Utilizzate anche unità cinofile che hanno setacciato a lungo l’intera zona, in Contrada Pentimarossa, rivelatasi di difficile accesso. Ispezionati dirupi e ampie aree di fitta vegetazione. Poco dopo le 11 di domenica mattina la macabra scoperta. Da chiarire le cause che hanno provocato il decesso, sul posto l’intervento del medico legale, da un primo esame sommario pare non ci siano lesioni o ferite di altro tipo, intanto sarà necessario fare piena luce su quanto accaduto, le indagini sono coordinate dal Pm di turno, la dottoressa Castiglia, non si esclude l’ipotesi che un malore possa aver colpito l’uomo. Nelle ore antecedenti il ritrovamento, era stato inviato un messaggio di ringraziamento del Sindaco di Torre S. Susanna, Saccomanno, al Prefetto di Taranto Martino, per l’impegno profuso durante le ricerche.