0 Condiviso 2358 Visto

Mesagne, che fine ha fatto Angela Grande?

MESAGNE – Scomparsa nel nulla da ormai due giorni: proseguono le ricerche coordinate dalla prefettura di Brindisi per la 66enne di Mesagne Angela Grande.

Il giallo

Dopo qualche ora trascorsa in Pronto Soccorso, dove era arrivata in seguito a un sinistro stradale, Angela Grande era stata riaccompagnata a casa da un parente. Poi, probabilmente nella prima mattina di sabato, è uscita di nuovo dalla sua abitazione, chiudendo a chiave la porta, ma lasciando nel suo appartamento la borsa, i documenti il telefonino.  Continuano le ricerche di carabinieri, polizia di stato, guardia di finanza e vigili del fuoco sulla 66enne di Mesagne allontanatasi da casa senza avvisare nessuno. O, almeno, così sembrerebbe per un giallo che, al momento, non trova soluzione. La cercano, oltre alle forze dell’ordine e la protezione civile, i famigliari, gli amici e i vicini di casa. Ovvero, quell’appartamento al piano terra di un condominio di via De Gasperi, quartiere Seta di Mesagne, presidiato da un’unità interforze.

L’appartamento al piano terra del condominio dove vive la 66enne

Le ricerche

La speranza è che la signora stia bene, ma non si esclude alcuna pista per un giallo che, in queste ore, tiene col fiato sospeso l’intera comunità mesagnese. La donna era rimasta coinvolta in un sinistro sulla provinciale che collega Oria a Cellino San Marco nel pomeriggio di venerdì, per poi essere medicata al Camberlingo di Francavilla Fontana. Quindi il ritorno a casa, a Mesagne, e, nelle ore successive, l’allontanamento, messo nero su bianco in una denuncia presentata in caserma e trasformatasi in scomparsa nella giornata di domenica. Droni, elicotteri, unità cinofile. Anche la Croce Rossa.

Forze dell’ordine e protezione civile presidiano via De Gasperi

Il prefetto Carolina Bellantoni, per lunedì mattina, ha indetto una riunione della cabina di regia per coordinare e programmare il prosieguo delle ricerche di Angela Grande, 66enne di Mesagne, misteriosamente scomparsa nel nulla in una fredda mattina di gennaio.