0 Condiviso 256 Visto

Calcio | Respinti i ricorsi di Bitonto e Picerno. Festeggia il Foggia, spera il Bisceglie

La Corte Federale d’Appello respinge i ricorsi di Picerno, Bitonto e della maggior parte dei tesserati coinvolti nella ormai nota combine del maggio 2019. Un illecito sportivo che condanna la società neroverde alla serie d con quei 5 punti di penalizzazioni comminati dal Tribunale federale che pesano su una classifica, quella del campionato 2019-2020 che ha visto il Bitonto primo e promosso in serie C. Professionismo che la società di Rossiello saluta definitivamente, così come il Picerno retrocesso all’ ultimo posto nel girone C per una responsabilità che in questo caso è diretta. Il processo non si è più svolto in video-conferenza bensì in aula e alla presenza degli stretti indispensabili: i giudici della Corte, la Procura e gli avvocati delle difese. Non erano presenti i tesserati e i dirigenti. Processo interdetto anche alla stampa nonostante fosse penale. Il dibattimento e’ iniziato alle 12 ed è terminato alle 16.30. Ci sono volute 2 ore e mezzo per arrivare alla decisione che a questo punto sorride al Foggia che con la penalizzazione del Bitonto diventa la candidata alla promozione in serie C. La società rossonera non è la sola pugliese a sorridere perché anche il Bisceglie si gioca le sue chance di riammissione. La posizione dei lucani da ultima in classifica favorirebbe la posizione del club di Racanati. L’ultima parola su ripescaggi e riammissioni spetta alla Figc che si pronuncerà nelle prossime ore.