Brindisi: Truffe assicurative, 65 indagati per falsi incidenti

Sono 65 le persone indagate dalla Procura di Brindisi per associazione per delinquere finalizzata “alla commissione di un indeterminato numero di truffe alle assicurazioni attraverso l’ideazione di falsi sinistri”. Tra gli indagati anche medici e avvocati.

I 65 dovranno rispondere, a vario titolo, di associazione per delinquere in concorso, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, falsità ideologica, sostituzione di persona. Sarebbe un legale, secondo la ricostruzione della Procura, al vertice del presunto sodalizio.

Nella mattinata di martedì 6 dicembre, i Carabinieri hanno  effettuato diverse perquisizioni in abitazioni private, ma anche uffici pubblici, all’interno dei quali i professionisti svolgono la loro attività. In particolare, le perquisizioni hanno interessato gli uffici amministrativi dell’Asl di Brindisi, dell’ospedale Perrino di Brindisi e della clinica Salus. Verifiche anche sui computer e dispositivi tecnologici tra cui cellulari e apparecchi informatici utilizzati dagli indagati.