0 Condiviso 377 Visto
Puglia Meteo
Cielo Sereno
29.02°C

Brindisi | Rifiuti, ristori per i Comuni Ricicloni

Anche nel brindisino, pioggia di ristori per Comuni più virtuosi nella raccolta differenziata dei rifiuti. I contributi, fondi destinati dalla Regione Puglia come forma di parziale ristoro per i costi sostenuti nel 2020 e nel 2021 per il conferimento dei rifiuti fuori dai confini pugliesi, premiano gli enti più virtuosi.

Questi i ristori destinati, in dettaglio, alla provincia messapica.
Fasano: 150.000 euro
Mesagne: 93.000 euro
Brindisi: 65.000 euro
Torre Santa Susanna: 46.000 euro
Francavilla Fontana: 44mila euro.
San Pancrazio Salentino: 41.000 euro.
Erchie: 37.000 euro.
San Pietro Vernotico: 35.000 euro.
Ostuni: 28.000 euro.
Oria: 20.000 euro.
Ceglie Messapica: 16.000 euro.
San Michele Salentino: 20.000 euro.
Villa Castelli: 8.000 euro.
Cellino San Marco: 7.000 euro.

La notizia è stata commentata dal consigliere regionale PD Maurizio Bruno.
“Sono i fondi destinati – spiega Bruno – dalla Regione Puglia a favore di gran parte dei Comuni pugliesi, come forma di parziale ristoro per i costi sostenuti nel 2020 e nel 2021 per il conferimento dei rifiuti fuori Regione. Soldi insomma spesi dalle varie amministrazioni comunali nel trattamento della frazione organica e che alle stesse casse comunali torneranno, così come disposto dall’Agenzia territoriale Ager.
I Comuni beneficeranno del fondo da 3 milioni e 800mila euro rimpinguato dalla Giunta Regionale non allo stesso modo e nella stessa misura.
Al fine di premiare le comunità che meglio e più hanno riciclato, i ristori saranno distribuiti proprio in base a tali parametri.
In particolare 1 milione e 400mila euro è stato destinato ai Comuni pugliesi che hanno raggiunto obiettivi di raccolta differenziata maggiori del 65%.
E un milione ai Comuni che da luglio 2020 a giugno 2021 hanno sostenuto maggiori costi per il conferimento degli scarti prodotti dall’impianto di compostaggio gestito da Tersan Puglia spa, che hanno presentato impurità inferiori al 5%.
Un altro milione e 400 mila euro è infine destinato a tutti i Comuni che negli ultimi 18 mesi hanno sostenuto maggiori costi per il conferimento della frazione organica presso impianti fuori Regione.
Riciclare conviene. All’ambiente in cui viviamo. E non solo.”