0 Condiviso 9213 Visto

Bitetto, Loseto e Catalano: le panchine del girone H parlano barese

Dino Bitetto, Raimondo Catalano, Valeriano Loseto. Generazioni diverse, denominatore comune la città di Bari. Due tecnici che domenica esordiranno e uno che andrà ad ospitare proprio uno dei due allo stadio di Gravina. La quarta serie nazionale si arricchisce di due personalità forti che possono dare lustro alla categoria, tutti nati e cresciuti nel capoluogo di regione. Dino Bitetto, reduce dalla vittoria dei playoff contro il Cerignola, prende le redini rossazzurre da Pasquale De Candia, con il compito di portare il Casarano almeno ai playoff. Debutto interno contro il Gladiator, formazione ripescata e che manca dai radar del tecnico da qualche anno. Loseto e Catalano si affronteranno, invece, a Gravina. Strano destino, quello della Fidelis, che da poco ha abbracciato l’ex Manfredonia e Pomigliano e il ds Moscelli e che giocherà in trasferta sul campo che ha ospitato le ultime due gare casalinghe. Piccolo vantaggio per Palazzo e compagni, alla ricerca di punti per uscire dalla zona playout e per scavalcare quel Gravina di Valeriano Loseto, che ad Andria ha cominciato un percorso da allenatore professionista e terminato a novembre 2017 quasi al termine del girone d’andata. Corsi e ricorsi storici, come la presenza delle piazze di Bari, Trani, Matera, Manfredonia e Cerignola nelle carriere di almeno due di loro e il fatto di essersi sfiorati ma mai trovati nella stessa squadra quando Bitetto allenava e Loseto e Catalano erano ancora sul rettangolo verde come calciatori. Da domenica saranno impegnati nello stesso girone, a sgomitare per giocarsi il titolo di migliore del capoluogo.