0 Condiviso 42 Visto
Puglia Meteo
Cielo Sereno
8.89°C

Basket, Cus Bari sospende atleta under 18 dopo insulti razzisti

Basket: Cus Bari sospende atleta U18 dopo insulti razzisti

E’ stato sospeso dal Cus Bari (Centro universitario sportivo) il giocatore delle selezione Under 18
resosi responsabile di presunti insulti razzisti nei confronti di un avversario della Mastria Vending Virtus, squadra
calabrese. La vicenda è scaturita dalla denuncia del deputato di Fratelli d’Italia, Wanda Ferro, che con una nota aveva espresso “solidarietà e vicinanza al giovane cestista Nicola Markovic, e a tutti i compagni della compagine catanzarese della Mastria Vending Virtus Under 18 Eccellenza guidata dal coach Antonio Cerone, per i gravi insulti razzisti che sono stati rivolti all’atleta serbo nel corso della partita giocata giovedì scorso a Bari contro la formazione del Cus”.
Oggi la reazione di Donato Ravelli responsabile della sezione basket del Cus Bari: “Adesso basta! Ora servirebbero
responsabilità e buonsenso, e non propaganda e falsità. Con i titoloni sul ‘presunto’ attacco razzista di un nostro cestista, si stanno superando i limiti della pazienza. Precisiamo che, l’episodio a cui il comunicato fa riferimento è avvenuto a pochi
secondi dalla fine della partita e non durante tutto lo svolgimento della stessa. Al momento dell’accaduto il giocatore responsabile dell’offesa è stato fatto uscire immediatamente dal campo, richiamato dal nostro staff tecnico, e successivamente sospeso dalle attività agonistiche dalla nostra società” – ha spiegato Ravelli