Tesseramento Pd: in Puglia nessuna anomalia, parola di Mennea

Dopo segnalazioni da parte di dirigenti del partito di anomalie nel tesseramento in Puglia, riportate dalla stampa locale, il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, ha interpellato il responsabile regionale del tesseramento pugliese, Ruggiero Mennea, il quale ha spiegato di "aver fornito tutte le rassicurazioni sul corretto andamento delle procedure". Secondo Mennea in Puglia non si registrano tesseramenti anomali sia nei numeri che nelle forme.

Secondo le stime provvisorie, si calcola che in Puglia si sono tesserate circa 33.500 persone rispetto all'anno scorso quando la cifra era al di  sotto dei 30mila". Sul tesseramento, Mennea garantisce che "non c'è nessun caso eclatante" ed evidenzia che le segnalazioni "sono state ingigantite e sono frutto di contrapposizioni localistiche che fanno parte dell'ordinaria amministrazione". Il consigliere regionale dei democratici ritiene che sia "vergognoso parlare di brogli: è dequalificante che dirigenti anche autorevoli si permettano di gettare fango sul partito".    Mennea sottolinea inoltre che le anomalie segnalate "sono state comunque prese tutte in considerazione dagli organi di garanzia del partito. Il passaggio finale, ovvero la validazione dell tessere sarà fatta dalle commissioni provinciali congressuale che saranno nominate la prossima settimana.    Tra le segnalazioni ci sono quelle relative a circoli chiusi o aperti per poco tempo; ai modelli fotocopiati prima di avere l'autorizzazione di un organo di garanzia; o al fatto che qualcuno si è presentato al circolo con elenchi di nomi di persone da tesserare. 

Scrivi commento

Commenti: 0