Tritolo per il procuratore Colangelo, condannate quattro persone

Il Tribunale di Bari  ha condannato quattro persone, fra le quali il noto trafficante di armi Amilcare Monti Condesnitt, a pene comprese fra i 5 anni e 4 mesi e i 4 anni e 8 mesi di reclusione perché accusati di detenere mezzo chilo di tritolo che - secondo la Dda - sarebbe stato destinato alla Camorra campana per un attentato al procuratore di Napoli Giovanni Colangelo. 

In particolare per il reato di detenzione e porto di armi da sparo ed esplosivo sono stati condannati Monti Condesnitt, proprietario della tenuta a Gioia del Colle dove nell'aprile 2016 è stato trovato l'esplosivo, e il suo braccio destro Francesco Paolo Ciccarone di Santeramo in Colle, alla pena di 5 anni e 4 mesi di carcere e 6mila euro di multa. Gli altri due imputati, Antonio Saponaro di Bari e Antonio Piscopo di Bitonto, sono stati condannati a 4 anni e 8 mesi di reclusione e al pagamento di 4.500 euro di multa.   L'esplosivo fu rinvenuto da agenti della squadra mobile di Bari nascosto sotto un albero di fronte alla tenuta del boss a Gioia del Colle dove risiede anche il procuratore Colangelo. Il ruolo degli altri imputati sarebbe stato quello di acquistare e trasportare il tritolo. L'inchiesta che riguarda la destinazione finale del tritolo e quindi il suo eventuale utilizzo per un attentato a Colangelo, è ancora in corso. 

Scrivi commento

Commenti: 0