Pd, Emiliano: "Se vinco le primarie mi metto a dieta"

Promessa di Michele Emiliano: "Se dovessi vincere le primarie del Pd, dimagrisco di 20 chili, e passare da 120 a 100". Il governatore della Puglia, ormai presente su tutti i canali nazionali,  lo ha detto mercoledì pomeriggio al programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora. "Vincere la corsa alla segreteria sarebbe importantissimo, quindi varrebbe la pena mantenere questa promessa. Anche se in Italia, il posto dove si mangia meglio al mondo, è difficilissimo fare una dieta", ha aggiunto Emiliano. 

Alla domanda se durante queste settimane di animata discussioni politica, è dimagrito o ingrassato, Emiliano ha ammesso di aver perso qualche chilo, ma non troppo, e sicuramente non nel range che ha promesso. In realtà c'è da osservare che non è la prima volta che Michele Emiliano annuncia cure da cavallo pur di rientrare in un peso accettabile. Una situazione analoga si era verificata nel maggio del 2015 in occasione delle elezioni regionali e sempre nella stessa trasmissione radiofonica. Emiliano appariva molto deciso a fare ammenda in fatto di cucina e lo aveva promesso. «Se vinco le regionali, prometto di dimagrire e di scendere fino a 115 chili entro novembre. Ora sono arrivato a pesarne 135». Ma la promessa del candidato che poi vinse le regionali fu totalmente dimenticata ad elezione avvenuta. Non risulta che Emiliano abbia perso neanche qualche etto, ma se dovessimo stare alla promessa non mantenuta del governatore dovremmo trarne le conclusioni. E in questo caso concediamo una deroga, ci accontentiamo di altre promesse facendo passare l'eccezione. Alla gola non si comanda.  

Scrivi commento

Commenti: 0