Santoro a Giannini: "I bambini di Taranto hanno diritto a cieli puliti"

TARANTO di Redazione AntennaSud

 

Accorato appello dell'arcivescovo di Taranto Santoro al ministro dell'istruzione Giannini, perché ai bambini del capoluogo ionico venga restituito il diritto a disegnare cieli puliti. Giannini ha replicato che "la bonifica di cinque scuole testimonia l’impegno determinato e consapevole del Governo". 

Parole "vere e nuove" e salute: questi i diritti per i tarantini rivendicati dall'arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, nel lungo e accorato appello al ministro dell’istruzione Stefania Giannini, che ha compiuto un sopralluogo nelle cinque scuole del quartiere Tamburi (Deledda, Vico, Gabelli, Giusti e De Carolis) oggetto d'interventi di bonifica e riqualificazione.

"La bonifica di cinque scuole in questo territorio testimonia l’impegno determinato e consapevole del Governo", ha risposto il ministro, auspicando che, con l'impegno e la collaborazione di tutte le istituzioni nazionali, regionali e locali, si possa finalmente ottenere un risultato fondamentale: "quello di conciliare il diritto alla salute col diritto al lavoro, che passa attraverso il diritto all’istruzione. Il taglio del nastro di oggi sostanzialmente, attraverso i simboli, dà questo segnale forte".

All’esterno della scuola Vico alcune associazioni studentesche hanno protestato con striscioni contro l'Ilva, prima fonte inquinante. Una delegazione del comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti ha lamentato invece la mancata realizzazione di filtri speciali previsti dalla legge 11 del 1996 in materia di edilizia scolastica per i plessi scolastici situati in zone ad alto rischio d'inquinamento.