Disastro ferroviario, la Procura di Trani dispone nuovi accertamenti

TRANI di Redazione AntennaSud

 

 

E intanto la Procura dispone nuovi accertamenti tecnici in merito alla strage avvenuta il 12 luglio scorso sulla tratta Andria - Corato. 

Nuovi accertamenti tecnici saranno eseguiti su disposizione della Procura di Trani nell'ambito dell'indagine sul disastro ferroviario sulla tratta Andria-Corato della Ferrotranviaria avvenuto lo scorso 12 luglio e in cui sono morte 23 persone e altre 52 sono rimaste ferite. I consulenti tecnici nominati dalla magistratura tranese dovranno acquisire copia forense del materiale informatico, pc e cellulari, sequestrato nei giorni successivi al disastro, estrarre i dati contenuti nelle cosiddette crash memory box dei registratori digitali installati sui treni e le immagini delle telecamere di videosorveglianza recuperate dai rottami. Il conferimento degli incarichi è fissato dinanzi ai pm Michele Ruggiero, Alessandro Donato Pesce e Marcello Catalano per il prossimo 21 novembre. I pm di Trani che indagano sulla vicenda ipotizzano i reati di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo e lesioni personali colpose plurime. Sotto inchiesta i vertici della società Ferrotramviaria, i capistazione di Andria e Corato e il capotreno sopravvissuto, cui è stato notificato un avviso di accertamenti tecnici non ripetibili.