Casamassima (Ba), aule scuola Rodari chiuse. I genitori: "Non ci fidiamo più"

CASAMASSIMA (BA) di Maria Luisa Troisi

 

 

Dopo aver riscontrato la presenza di alcune crepe nelle pareti, i vigili del fuoco hanno deciso di chiudere quattro aule della scuola elementare Gianni Rodari di Casamassima (Bari). Preoccupazione e rabbia da parte di alcuni genitori che ora non vogliono mandare i loro figli a scuola.

Quello che più fa infuriare i genitori dei piccoli alunni della scuola elementare Gianni Rodari di Casamassina, nel Barese, è che se un genitore non avesse chiesti di indagare su alcune crepe che aveva intravisto (e per cui sono state chiuse 4 aule) oggi le aule sarebberoa ncora aperte. Preoccpuati e arrabbiati i papà e le mamme dei bambini che ora non si fidano più delle istituzioni e non sanno se mandarli a scuola. Dopo la segnalazione di quel genitore e i controlli dei vigili del fuoco - spiega il sindaco di Casamassima, Vito Cessa, sono state individuate delle piccole lesioni in altre aule (frequentate dalle classi prima e  terza A, quinta C e quinta B) e, per precauzione, hanno vietato l'utilizzo delle stesse fin quando non saranno fatte le opportune verifiche". "Anche se quelle aule rimarranno chiuse - lamentano i genitori - i nostri bambini saranno nei locali adiacenti che potrebbero essere investiti da un eventuale crollo delle altre classi". Per ora la soluzione ipotizzata sarebbe una turnazione degli alunni nelle aule non interdette, mentre per quelle il cui accesso è inibito la dirigente scolastica, Rosanna Brucoli, ha stabilito che "la porta d'accesso rimanga chiusa a chiave", come si legge in una circolare.  Ma i genitori attendono notizie più certe e hanno paura di mandare a scuola i loro figli.