Accordo Miur - Mc Donald's, non piace nè agli studenti nè agli adulti

ROMA di Redazione AntennaSud

 

 

Un accordo che proprio non va giù a molti. Nè agli studenti, nè agli adulti che non comprendono come il Ministero dell'istruzione d'Italia, regina della buona tavola, possa chiudere un accordo di alternanza scuola - lavoro con il colosso americano Mc Donald.

L’incontro si chiama “Campioni dell’alternanza” ed è promosso proprio dal Ministero dellìistruzione. Grandi colossi come FCA, ENI e  McDonald’s aprono all’alternanza scuola-lavoro, per un totale di 27mila nuovi posti di “lavoro” per gli studenti. Quel progetto così utile ai ragazzi di tutta Italia, regina della buona tavola, oltre che della dieta mediterranea, sembra uno scherzo di cattivo gusto. Invece è vero. Dei 27mila posti a disposizione dei giovani ben 10mila sono “offerti” dalla azienda multinazionale, che accoglierà gli studenti in 500 locali di tutta Italia, per insegnare loro “competenze di carattere relazionale e di comunicazione interpersonale”. Protestano gli studenti sia perchè vedono il loro lavoro in realtà come un rimpiazzo di gran parte dei dipendenti con studenti in alternanza, sia perchè chiedono di essere pagati anche se meno di un dipendente."Non ci sono più parole per definire l’operato di un governo che appare confuso e instabile ogni qualvolta debba prendere delle decisioni. Questa volta è toccato al ministero dell’Istruzione lasciarci senza parole e stupiti”. Così Paolo Pagliaro dell'Ufficio di Presidenza Nazionale di Forza Italia. “Inizia una collaborazione -continua- con il colosso americano McDonald’s: i nostri ragazzi, per il progetto sull’alternanza scuola-lavoro potranno andare a lavorare in tutti i McDonald’s d’Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia. I figli della nazione regina per l’arte culinaria, dovranno andare ad imparare a confezionare big mac e double cheeseburger. Quindi -conclude Pagliaro- impareranno a promuovere tutto quello che i dietologi condannano, nella lotta contro l’obesità, consigliando sempre la nostra dieta mediterranea. Che dire… null’altro: è sbalorditiva tanta superficialità e il suo amore verso le multinazionali”.