Centro migranti a Palombaio, la cooperativa si tira indietro dopo le proteste

PALOMBAIO di Redazione AntennaSud

 

Dopo le proteste dei residenti di Palombaio, frazione di Bitonto nel barese, la cooperativa che avrebbe dovuto gestire un centro di accoglienza per 27 migranti ha rinunciato. La decisione finale, ora, passa alla Prefettura.

Nessun centro di accoglienza per migranti, almeno per ora, a Palombaio, frazione di Bitonto nel barese.

Dopo la manifestazione di protesta dei residenti, sfociata una settimana fa in un blocco stradale, la società che avrebbe dovuto gestire la struttura si è tirata indietro. "Non vogliamo portare scompiglio al territorio in cui andiamo a operare. Abbiamo rimesso la decisione nelle mani della Prefettura" ha fatto sapere Raffaele Patella, responsabile della cooperativa San Sebastiano di Gravina in Puglia.

Resta chiuso il cancello dell'immobile in via Piave 50, che avrebbe dovuto ospitare il centro. Uno stabile in abbandono, che il proprietario aveva reso disponibile. Palombaio conta 3mila residenti. 500 di loro hanno firmato contro il centro, destinato ad accogliere 27 richiedenti asilo. A placare gli animi era stato nei giorni scorsi il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, informando che la mancanza del certificato di agibilità dello stabile aveva decadere l'autorizzazione della Prefettura.