Torre a Mare, 7 quintali di marijuana in una villa abbandonata

BARI di Redazione AntennaSud

 

Sette quintali di marijuana, per un valore di almeno 5 milioni di euro. I Carabinieri li hanno scoperti in una villa disabitata a Torre a Mare. Arrestato il presunto scafista che ha trasportato il carico sulla costa barese.

 

Sette quintali di marijuana nascosti in una villa abbandonata sul litorale di Torre a Mare. Il maxi carico di droga, arrivato sulla costa barese a bordo di un natante, è stato scoperto e sequestrato dai Carabinieri della compagnia di Bari centro in un blitz, ieri notte. I militari, appostati nelle villette vicine, grazie a sofisticati visori notturni, con l'ausilio di un elicottero e della Capitaneria di Porto, hanno arrestato Renato Colasuonno, pregiudcato di 64 anni. L'uomo è stato intercettato mentre effettuava lo scarico di grossi imballi incellophanati da un'imbarcazione, approdata poco prima sul litorale, per poi trasportarli nella villa disabitata.

Colasuonno, noto scafista e con precedenti per reati legati al traffico di stupefacenti, è stato condotto in carcere.

La droga, una volta immessa sul mercato dello spaccio al dettaglio, avrebbe fruttato non meno di 5 milioni di euro. Secondo i Carabinieri, si tratta di uno dei più importanti sequestri di droga compiuti a Bari negli ultimi anni.