Nardo' e Gallipoli (Le), genitori preoccupati: "Vogliamo sicurezza per i nostri figli"

NARDO' (LE) di Redazione AntennaSud

 

 

Nardo' e Gallipoli, nel Salento, sono in allerta per la dissenteria che ha colpito alunni e insegnanti in alcuni istituti scolastici la cui mensa è gestita dalla stessa ditta. La mense non è stata sospesa in attesa degli accertamenti e la ditta dichiara che ricorrerà ad un biologo.

Sotto la lente dell’Asl e dei carabinieri sono finiti i due plessi dell’“Aristide Gabelli” (scuola dell'infanzia) e del “Renata Fonte” (infanzia e primaria). Nessuna segnalazione in merito a problemi di dissenteria arrivata dal terzo polo. Principale indiziato resta comunque la carne. Anche perchè sembra che in quella mattinata, siano stati serviti tipi di carne differenti: roast beef negli istituti dove si sono verificati episodi di dissenteria e malori e scaloppine nel terzo polo. La vicenda che sta preoccupando e non poco genitori e insegnanti delle scuole di Nardò e Gallipoli, nel Salento, va avanti e continua a destare allarme. La ditta La Fenice, dal canto suo, ha assicurato il rispetto di tutti protocolli igienico-sanitari previsti nella preparazione e nella somministrazione del cibo, escludendo ogni nesso tra i sintomi avvertiti dai bambini e il cibo distribuito martedì scorso a mensa, e utilizzo a breve di un biologo. Convocati i vertici della ditta dal sindaco di Nardò, Pippi Mellone, hanno escluso qualsiasi coinvolgimento della ditta nell'epidemia gastro-intestinale che ha coinvolto circa 200 bambini delle scuole primarie e dell'infanzia della cittadina. Per garantire ulteriori standard di sicurezza, il ricorso dalla prossima settimana alla figura di un biologo che presiederà alle operazioni di somministrazione dei pasti. Dopo il caso di Nardò, sono rimasti intossicati decine di alunni anche a Gallipoli, servita dalla stessa mensa, che hanno accusato  malori con dissenteria e vomito. A Gallipoli il dirigente dell'Istituto comprensivo Secondo Polo ha chiesto al sindaco, Stefano Minerva, che vengano subito eseguiti controlli. L'assessore comunale alla Scuola, Silvia Coronese, si è recata in mensa per mangiare con i bambini, confermando la qualità dei pasti. L'assessore ha annunciato che in una prossima delibera di giunta verrà istituzionalizzata la 'commissione mensa' che sarà formata da tutte le parti interessate (genitori, docenti, amministrazione comunale, uffici e dirigenti scolastici) e si riunirà mensilmente per garantire un maggiore e continuo controllo.